Archivio

Archive for the ‘solo’ Category

Domenica 3 Maggio 2009 – Senza pretese

3 maggio 2009 2 commenti

Bella giornata, forse un po’ ventosa.
Obiettivo minimo, ma importante.
Passo turistico, almeno all’andata, dopo aver verificato che non c’erano agguati lungo la strada.

Niente di più, niente di meno. Una bella mattinata.

Annunci
Categorie:giri, lazio est, solo

Sabato 08.03.2008 – Pulcy

10 marzo 2008 Lascia un commento

Previsioni per il weekend: variabile.
Quindi, niente di facinoroso, giro facile, praticamente un commuting. A pranzo dal Pulcy a Montopoli, che dovevo pure portargli delle cose.
Giusto per riprendere confidenza con il Wendigo su strade arci-note, dopo qualche episodio spiacevole.
Ritmi prima timorosi, poi rilassati, quindi, finalmente, normali. Ce n’era bisogno.
Tornando a Roma, a Corso Francia, ho fatto di nuovo benzina e la moto è ulteriormente migliorata. Meglio così.

Intanto, ha ricominciato a piovere.

Categorie:giri, sabina, solo

Domenica 10.02.2008 – Subiaco

10 febbraio 2008 Lascia un commento

Jesterscore:

Divertimento in moto cinque
Paesaggio tre
Scoperta uno
Avventura due
Intermezzo N/A

Domenica primaverile, a dir poco.

Bnb è impegnato e io cerco una scusa per uscire un po’. Sono già le 11 e non mi viene in mente niente di meglio che  andare a comprare una cartuccia per la stampante… Vabbè. Arrivo a Case Rosse, sulla Tiburtina, e trovo tutto chiuso (Decathlon, Unieuro, PC City).

Ora.
Capisco che quelli che lavorano in quei posti sono tutti precari, scazzati e malpagati, e che quindi, se una domenica stanno a casa, se lo meritano e non sarò certo io a volerglielo impedire. Però, porco cane, è possibile che non esiste un modo condiviso e pubblicizzato per gestire l’apertura domenicale di questi grossi centri commerciali? Chessò, le domeniche dispari sì e le pari no? La prima e l’ultima domenica del mese? Insomma, vorrei contarci, in qualche modo, sull’apertura e non dover andare a culo tutte le volte.

Oltre che essere una giornata stupenda, ora sono pure un po’ stranito. Sai che c’è? Me ne vado a trovare nonna a Subiaco. Giusto una toccata e fuga, che poi alle 15 deve venire Bnb a casa mia a vedere il rugby.

Inizia il mio periodico viaggio della memoria, quasi sempre in solitario, quasi sempre per la stessa strada, quasi sempre a partire da un centro commerciale chiuso.

Tivoli, Vicovaro, Subiaco, nonna, ritorno per Licenza, Orvinio, fino alla Salaria. Poi a casa.

Sono tornato in tempo e ho dato un senso alla domenica.

Categorie:giri, lazio est, sfoghi, solo