Home > giri > Sabato 31 Maggio 2008 – Due corni e un po’ di altipiani

Sabato 31 Maggio 2008 – Due corni e un po’ di altipiani

Punta alle 8 e mezza all’inizio della A24. Per le nove riusciamo (Jedan, Bnb ed io) a partire e in una mezzoretta siamo a Valle del Salto. Ci aspetta il primo scollinamento della giornata e il primo altopiano. Prendiamo per Sant’Elpidio, colazione surreale a Santa Lucia (con il barista che ci sconsiglia i cappuccino perché non lo sa fare) e si va su. La strada è molto bella anche se è una merda, in senso stretto: mucche ovunque che pare bruchino fave di fuca piuttosto che erba.

Lento pede, si arriva su a Pian del Rascino (noto per fatti di sangue agl inizi degli anni di piombo), il tempo di una foto

rascino

e si scende verso Tornimparte a prendere la SS17 e poi subito la SS80 (che l’ultima volta l’avevamo fatta con la neve). Il ritmo è allegro, ma io, pur non guidando distratto (come a volte mi capita), vado un po’ più piano del solito: curve rotonde, guida rilassata, circa 10 km/h meno del solito… Che problema c’è? Nessuno. E infatti si macinano chilometri.

La SS80 dopo il Passo delle Capannelle è molto bella, ma…

L’asfalto è nuovo ma, fastidiosamente, privo di strisce per terra e quindi, come la Roma di Spalletti, non dà punti di riferimento, una galleria di quasi un chilometro è completamente buia (bruttissima sensazione, mi era capitato solo qui) e proprio alla fine della galleria, c’è un bel caramba con l’autovelox… (Forse guardava chi entrava nella galleria, ma, se guardava anche noi che uscivamo, era davvero un bastardo, perché dopo un chilometro di buio pesto, è naturale che come vedi un po’ di luce spalanchi il gas. Vabbè, speriamo bene.)

Prendiamo a destra e saliamo ai Prati di Tivo sotto il Corno Piccolo. Crodino, due foto e si riscende.

corno piccolo

A Montorio al Vomano, il Wendigo ha sete. Lo facciamo abbeverare alla Esso e si va per Isola del Gran Sasso. Qui sbagliamo strada e prendiamo per Fano al Corno. La strada è praticamente senza uscita, nel senso che finisce (come il nome poteva far intuire) direttamente contro la impressionante parete del Corno Grande.

Si torna indietro e  si prende la strada giusta. Appena dopo la prima curva, c’è un cartello terrorista: “Strada interrotta al km 14, località Rigopiano”. Si deve passare propio di lì… Inizia il solito dibattito, che si scatena in questi casi: “Ma non c’abbiamo la moto… Sarà per le macchine… Le moto passano sempre…“, “Certo 14km avanti e indietro sono tanti…“, “Vediamo se qualcuno scende…“, “Magari se lo sono scordato da quando c’era la neve..:

La cosa sui risolve nel solito modo: si va a avanti e si spera per il meglio. Stavolta ci dice bene: già a Castelli (inusitata metropoli interamente dedita al business della maiolica), gli aborigeni ci avevano rassicurato, ma poi arriviamo al punto incriminato e c’è una frana già bella che riasfaltata, il solito guard rail messo per storto, una mezza strettoia… Insomma, il solito pressappochismo cartellonistico italiano.

La strada tuttavia è bellissima, tutta nel bosco, bella fresca, non c’è anima viva… E’ tenuta un po’ male, ma è anche stranamente larga (tagliafuoco?), si procede uno accanto all’altro, tanto siamo padroni del campo, si guida in piedi, insomma ci si diverte… Anche perché sono le tre e il culo comincia dare segni della sua esistenza. Ultime due curve e scolliniamo, ci facciamo altre due foto

autoscatto

e ci troviamo sull’altopiano a sud del Gran Sasso, nei pressi di Fonte Vetica ai piedi del Monte Camicia. E’ ora di un ricco intermezzo.

Intermezzo (lungo)

mucciante

Parcheggiamo al mitico Ristoro Mucciante e cominciamo a darci da fare. Acquistiamo 30 arrosticini, un bel tocco di ricotta, tre salametti e mezza pagnotta e ci dirigiamo verso la cucina fa-da-te caratteristica del luogo. Nell’apposito braciere, fatto a misura per gli arrosticini, tuttavia, la brace è un po moscetta e l’addetto la ravviva con mezzi eterodossi.

omobrace

Mettiamo la nostra strisciata a cuocere, 10 minuti, una spolverata di sale e…

arrosticini

… via con le zampe sotto al tavolino.

citazione

30 arrosticini e una mezza ricotta (da paura) dopo, si riparte.

Fine Intermezzo

La SS17 bis taglia il consueto paesaggio lunar-bucolico fino al bivio per Campo Imperatore. Decidiamo di non salire: il tempo non è più un granché, cominciamo ad essere stanchi, ma soprattutto stufi di diverticoli.

Nella pausa caffè (e pipì) sotto la funivia del Gran Sasso a Fonte Cerreto, facciamo la conoscenza di Claudio. Un omone, tutto cuoiato di nero con GSX-F anch’esso nero, che sta cercando dei non meglio precisati amici. Dice che tanto li raggiunge perché lui va troppo più forte di loro (anche se non ha affatto chiaro dove siano) ed è sicuro li troverà mangiare formaggio (?!). Oltre agli amichetti invisibili, ci parla di un sacco di cose.

Tre su tutte: a) “Nel medio evo, il cavaliere era il personaggio più rispettato. Oggi i cavalieri siamo noi motociclisti“. b) “I bambini di oggi si comprtano male. E’ colpa dei genitori (e fin qui… n.d.j.) perché hanno avuto dei cattivi genitori (e anche fin qui… n.d.j.)… E’ qualcosa nel sangue (qui, però, uhmmm… n.d.j.)”. c) “Quando sei in macchina, sei spettatore… Quando vai in moto sei protagonista… Dell’habitat…” Su queste parole, salutiamo Claudio e ripartiamo.

Strada del Vasto che ci ricorda le disastrose mattine precedenti alle notti magiche del 2006,

curva

ancora Passo delle Capannelle e SS80 a scendere, Salaria verso Antrodoco e poi (l’altra) Salaria fino a casa.

450 km e passa la paura.

Qui la mappa del giro.

Annunci
  1. utente anonimo
    1 giugno 2008 alle 08:13

    Orcatrota Albè!
    Avete percorso in senso inverso il percorso del secondo giorno del GPAQ!!! Quello che ci hanno impedito di continuare perchè la strada era sconnessa!!!!
    Sono contento, peccato che sono confinato fra casa e lavoro e questo fine settimana, lunedi compreso… Sono al chiodo!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: