Home > bnb, giri, sabina, tuscia, umbria > Sabato 9.02.2008 – Amelia

Sabato 9.02.2008 – Amelia

Jesterscore:

Divertimento in moto tre
Paesaggio due
Avventura due
Scoperta tre
Intermezzo due

Weekend di sole. Si va in moto, ovviamente.

Si doveva partire molto cattivi alle 9:30, ma l’appuntamento è spostato alle 12:30, perché c’avevo un sonno della madonna.

Siamo Bnb ed io, senza una meta precisa. Si parte dal cassamortaro e si va per Sacrofano, poi per una trazzera, si passa per Magliano Romano, poi verso Calcata.

La trazzera (stradicciola, per chi non legge Montalbano) è una piccola provinciale (forse) molto malridotta che passa in aree decisamente desertiche. Inutile paesaggisticamente, decisamente poco divertente motociclisticamente, in più tira pure vento, insomma si comincia ad aspettare la Flaminia come una terra promessa, che per fortuna arriva poco dopo Faleria.

Si oltrepassa Civita Castellana, finalmente di buon passo, e il famigerato Bar Sassacci, croce e delizia di alcuni motociclisti…

Si punta su Orte, non prima di aver visto un grande spiegamento di forze (ambulanze, pompieri con casco) per un incidente tra due auto, molto spettacolare, ma apparentemente senza gravi conseguenze (speriamo di aver capito bene).

Dopo Orte si va verso Amelia per quella che è la sorpresa della giornata. Una gran bella strada, SP 59 nel Lazio e SP 8 nella parte umbra, molto larga e molto mossa. Divertente, anche se a tratti con fondo stradale sporco e irregolare. Devo dire che almeno in questa prima parte del giro io non sono particolarmente in palla e quindi guido più pianino del solito. Bnb sopporta.

ExtramoeniaSi arriva ad Amelia alle 14.00. Si entra nel borgo (non male) alla ricerca di un po’ di cibo. Tutto chiuso. Si torna extra-moenia mediante un prestigioso ascensore e ci si rifugia in un bar sulla piazza che, scopriamo, è un po’ il punto focale della socialità amerina…

Intermezzo (che, stavolta, merita un post tutto per sé)

FichigirorttiFine intermezzo

Con il ficogirotto sullo stomaco, mi sento molto meglio e si riparte in bello stile, verso Narni e Terni. Prendiamo la SS 79 del Lago di Piediluco, ma, a Marmore, facciamo anche un sopralluogo per cercare di vedere la cascata che, come abbiamo visto salendo, è, stranamente, accesa. Ne vediamo una parte, quella gratuita, perché abbordiamo il sentiero dal lato sbagliato e manchiamo vergognosamente la biglietteria. Ci torneremo, perché si è fatto un po’ tardi e non ci va di spendere 4 euro per fare le cose di corsa.

SS 79 con il sole alle spalle (Bnb scatenato), vento sempre un po’ fastidioso, poi Salaria fino a Roma.

Annunci
Categorie:bnb, giri, sabina, tuscia, umbria
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: